Viaggio alla scoperta del Friuli

Esistono tanti perle del turismo italiano che rimangono ancora nascoste. Una di queste mete ancora inesplorate è sicuramente il Friuli Venezia Giulia. La piccola regione di confine infatti ha molto da offrire sia ai turisti italiani che ai turismi stranieri. Fortunatamente grazie all’interesse di alcune importanti istituzioni turistiche internazionali, come la Lonely, il Friuli nel corso dell’ultimo anno è diventato una meta turistica quasi imprescindibile. Una regione che nonostante la dimensione limitata racchiude in se tantissime bellezze naturalistiche, artistiche e storiche. Una regione ideale per viaggi di pochi giorni o di periodi più lunghi, per chi viaggia da solo, in coppia o con la famiglia, per chi vuole la vacanza rilassante così come per chi vuole la vacanza culturale. Ma quindi cosa offre il Friuli.

Il Friuli prima di tutto offre un’infinità di testimonianze artistiche e storiche, frutto di secoli di dominazioni, conflitti, popolazioni autoctone o di passaggio. Anche se in Friuli non mancano le tracce della preistoria, le prime tracce storiche risalgono all’epoca romana che in Friuli ha avuto la sua più mirabile rappresentazione nella cittadina di Aquileia, località paleocristiana e successivamente sede dei primi patriarchi. Successivamente in Friuli si sono alternati longobardi, celti, unni.

Poi è stata la volta della dominazione di mille famiglie nobiliari locali o di provenienza etnica. Una storia fatto di flussi migratori, conflitti e lotte che hanno disseminato in Friuli tantissimi castelli, strutture difensive e residenze fortificate tutte per lo più ben mantenute e visitabili. Tra i castelli più belli del Friuli Venezia Giulia, sicuramente quello di Udine, di Gorizia, di Miramare, quanto invece alle località fortificate una visita obbligatoria è rappresentata dalla località di Palmanova, città cinquecentesca fondata dai Veneziani e dalla caratteristica forma a stella.

Alla scoperta del FriuliQuanto alle bellezze naturalistiche non c’è davvero che l’imbarazzo della scelta da nord a Sud. Cominciamo quindi da nord in cui troviamo le alpi carniche ed il parco delle dolomiti Friulane. Poco più sotto troviamo la rinomata zona sciistica di Piancavallo. Spostandoci un po’ più sotto troviamo un’ampia fascia collinare, caratterizzata da piccole ed incantevoli località e da un paesaggio caratterizzato da natura incontaminata intervallata da rigogliosi ed ordinati vigneti. In questa zona sarà d’obbligo visitare Cividale del Friuli, Spilimbergo, Gemona e Venzone. Scendendo ancora troviamo l’ampia pianura friulana in cui meritano una visita la città di Udine, alla quale sarà opportuno dedicare almeno  una giornata. Spostandoci verso sud est troveremo Gorizia con il suo gusto tipicamente asburgico e più in la Trieste la più grande e cosmopolite delle città friulane.

Grazie alla grande presenza di centri commerciali che offrono qualsiasi tipo di negozio soprattutto quelli dedicati a scarpe vestiario ed accessori, il Friuli è anche meta di tantissimi turisti austriaci, sloveni, croati e dell’est Europa, soprattutto in corrispondenza dei saldi invernali e di metà estate.

Per visitare al meglio il Friuli si consiglia un viaggio di non meno di 10 giorni per visitare tutti i luoghi e le località sopra elencate, senza dimenticarvi di assaporare i piatti e prodotti tipici della tradizione friulana, sempre ovviamente accompagnati da un ottimo bicchiere di vino.

Add Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.